OmniAuto.it

Formula 1 2014

Formula 1

Force India: la sorpresa è un gradino sulla scocca?

Andy Green sulla VIJM07 avrebbe studiato una soluzione per recuperare carico aerodinamico

8 gennaio 2014 12:17

Force India: la sorpresa è un gradino sulla scocca?

La Force India cambierà look: quasi certamente avrà anche i colori della Telmex, lo sponsor che porterà il budget di Sergio Perez, il pilota messicano supportato dal magnate Carlos Slim e che affiancherà Nico Hulkenberg nella squadra di Vijai Mallya.

Ma le novità importanti non si fermeranno solo all’aspetto estetico: il direttore tecnico del team di Silverstone, Andy Green, ha in serbo qualche sorpresa che farà certamente discutere il paddock nei primi test collettivi in programma a Jerez dal 28 gennaio. La VJM07, infatti, dovrebbe essere una monoposto con un aspetto quanto meno curioso nella scocca.

La FIA, infatti, ha deciso di abbassare la parte anteriore della scocca, portando la misura dai 625 mm del 2013 agli attuali 525 mm, imponendo anche che la punta del muso non debba essere più alta di 185 mm dal piano di riferimento. L’obiettivo è duplice: evitare che il “naso” troppo alto possa essere intrusivo in caso di urto laterale e ridurre il passaggio d’aria sotto alla scocca per limitare la portata dei flussi nel diffusore posteriore e, di conseguenza, ridurre il carico aerodinamico.

I tecnici della Force India sembra che abbiano cercato di “interpretare” la norma: non ci dovremo stupire, infatti, se vedremo la VIJ07 dotata di uno “scalino” come nel 2012, ma non sul muso, ma direttamente nel telaio. Il motivo? È facilmente intuibile: l’astuto Andy Green avrebbe cercato di scavare la zona inferiore della scocca per accrescere il volume di aria, ma per avere gli ingombri per ospitare il pilota, sarebbe stato costretto ad alzare prima possibile la linea superiore della monoscocca, generando quella che dovrebbe essere una sorta di gobba.

La Force India per filosofia ha sempre realizzato vetture caratterizzate da una certa semplicità delle soluzioni, con una buona efficienza aerodinamica che ha permesso ai piloti di ben figurare specie sulle piste veloci, conquistando il sesto posto nella classifica dei Costruttori 2013. La volontà della squadra anglo-indiana è di alzare l’asticella quest’anno puntando alla quinta piazza nella graduatoria dei team. E per sperare di sfidare i top team deve disporre di una macchina competitiva. I tecnici sono molto confidenti: oltre a disporre della power-unit Mercedes, che nel paddock è accreditata come la più potente del lotto, basterà il “gradino” sulla scocca?

di Franco Nugnes
tags: Formula 1

Stampa Invia ad un amico Commenti (15)

15 Commenti

  • 1
    ma come fa a funzionare se l'aria proviene di fronte e il muso è basso ?

    Postato da: 08 gennaio 2014 alle 12:34
  • 2
    per 1

    con opprtuni deviatori di flusso e poi è scritto chiaro che si cerca di recuperare carico... il concetto mi sembra interessante: bisognerà vedere come lo avrà interpretato effettivamente la Force India

    Postato da: marco m08 gennaio 2014 alle 12:49
  • 3
    @2 si ma il flusso pulito è solo quello che arrivato dal muso

    il flusso che passa a lato del muso è turbolento a causa delle ruote, non a caso i deflettori sotto le prese d'aria servono a separare le 2 masse.

    Postato da: 08 gennaio 2014 alle 13:28
  • 4
    Una pensata buona?

    Non sono un tecnico e non ho, quindi, nozioni tali da ipotizzare cose "credibili". Guardando il disegno, però, mi sembra di intuire che l'aria che verrebbe incanalata nello "scalino" potrebbe provenire anche, in abbondanza, dalla parte superiore della scocca magari avendo trovato una specie di Effetto Coanda che faccia aderire i flussi d'aria ai fianchi di quella zona del telaio e con opportuni accorgimenti "integrati" farli arrivare dove sembra possano andare sulla base del disegno. Chissà se, ad esempio, restringendo anche di poco la parte inferiore del telaio dal Punto A del disegno in poi non si ottenga una forma di "scivolamento" dei flussi sotto la scocca? Speriamo che arrivi qualcuno "esperte di aerodinamica" che possa aiutare a capire.

    Postato da: Fausto Bura08 gennaio 2014 alle 14:53
  • 5
    riflessione...

    Quante soluzioni innovative potevamo vedere in F1 anche gli anni passati se fossero resi possibili i test... ma purtroppo i grandi team per evitare brutte sorprese dal primo ingegnere di turno come questa, hanno imposto il divieto cosi' solo i "ricchi" che potevano permettersi simulatori, gallerie e cfd hanno potuto fare vera ricerca... ma qualcuno tra i grandi si e' accorto che anche con tanti soldi i dati da questi strumenti non li sapeva interpretare al meglio e quindi che si spinga per il ritorno ai test in pista!

    Postato da: gio08 gennaio 2014 alle 15:17
  • 6

    Puó funzionare solo lo scavo sotto, il gradino sopra sarebbe soltanto per motivi di spazio.. Se non c'è depressione sotto, lo scalino funziona quanto un uomo che fa camminare la barca a vela soffiando

    Postato da: 08 gennaio 2014 alle 15:17
  • 7
    #1

    Funziona perchè la pressione sotto al muso diminuisce (stesso principio dell'effetto suolo, anche se non efficiente allo stesso modo)

    Postato da: 08 gennaio 2014 alle 15:20
  • 8
    @7 diminuisce appunto e la velocità dei flussi diminuisce

    Postato da: 08 gennaio 2014 alle 15:57
  • 9

    Ricorda la McLaren del 1993..
    Qualcuno concorda?

    Postato da: mc08 gennaio 2014 alle 17:35
  • 10
    mp4/8

    http://www.prdobson.com/project/mclaren-ford-mp4-8/update/458/

    Postato da: mc08 gennaio 2014 alle 17:40
  • 11
    Potrebbe funzionare...

    In caso di muso "a tricheco" oppure con qualche tipo di apertura per far comunque passare aria al centro... che ne dite, sarebbe permesso dal regolamento?

    Postato da: b52_ste08 gennaio 2014 alle 18:25
  • 12
    Bella idea

    Grande idea della Force India il disegno di Giorgio Piola rende bene l'idea di come dovrebbe funzionare, come sempre riesce a farci sognare le f1 che vedremo nel 2014. Che dire, in teoria dovrebbe funzionare alla grande in pratica forse ci potrebbe essere qualche problema strutturale e di maggior peso per un telaio simile. Inoltre si potrebbe ripresentare il problema della vena fluida interrotto in quel punto dallo scalino come succedeva con i musetti 2012, ricordate il musetto della redbull con la buca delle lettere ?
    qualcuno potrebbe pensare di ricavare un foro e far defluire l'aria verso il basso ma mi pare sia vietato perche' lo scalino adesso è in corrispondenza della scocca non come il musetto

    Postato da: Zio Ture09 gennaio 2014 alle 16:11
  • 13
    Zio Ture

    forse però la "buca per le lettere" potrebbe servire per tenere il più possibile il flusso aderente alla scocca (scusa per la terminologia, non sono ingegnere)

    Postato da: Giovanni09 gennaio 2014 alle 17:40
  • 14

    Un foro in stile f2008 è vietato dal regolamento penso

    Postato da: Giovanni09 gennaio 2014 alle 17:41
  • 15
    Foro vietato...

    ...esatto, ma io pensavo ad una soluzione tipo quella del link:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Williams_FW26

    Postato da: b52_ste10 gennaio 2014 alle 09:08

Scrivi un commento

Torna su

Spam, commenti impropri o volgari saranno automaticamente cancellati

*= non sarà pubblicata | Condizioni di Utilizzo

Nicolas Hülkenberg

Nato il 19 agosto 1987

nazionalità Germania (DE)

altezza 184 cm

peso 74 kg

VAI ALLA SCHEDA »

Sergio Pérez Mendoza

Nato il 26 gennaio 1990

nazionalità Messico (MX)

altezza 173 cm

peso 64 kg

VAI ALLA SCHEDA »

Archivio Piloti

Cerca tra i piloti