OmniAuto.it

Mondiale Endurance

Ruberti si conferma leader in classe GTE-Am

Dopo la vittoria di Sebring, è arrivato il secondo posto di Spa per la Porsche della Felbermayr-Proton

7 maggio 2012 12:21

Ruberti si conferma leader in classe GTE-Am

Paolo Ruberti si conferma anche a Spa-Francorchamps uno degli uomini da battere del FIA WEC 2012. Nel secondo appuntamento della stagione il campione italiano, in equipaggio con Gianluca Roda e Christian Ried al volante di una Porsche 911 RSR, ha chiuso la sei ore belga sul podio in classe LMGTE-Am, un risultato che unito alla vittoria nella 12 ore di Sebring rafforza la sua leadership in classifica.

Le prove ufficiali di venerdì si erano concluse con l'ottavo tempo di Ried (2'25"358), che non aveva però impensierito i piloti del team Felbermayr-Proton. In una gara bagnata nelle fasi iniziali Ruberti è stato protagonista di un impegnativo doppio stint nelle tre ore finali, dove ha mantenuto costantemente un ritmo elevato che gli ha consentito di conquistare il secondo posto finale, oltre a stabilire il giro più veloce della corsa (2'22"085).

Paolo Ruberti: "Questa prima parte del FIA WEC ci sta regalando notevoli soddisfazioni: dopo la vittoria di Sebring è arrivato anche il podio a Spa, confermando che probabilmente potremo lottare per le posizioni di vertice durante tutta la stagione. In giugno ci presenteremo inoltre alla 24 Ore di Le Mans da leader nella classifica di classe, un dato che renderà ancor più emozionante la gara francese".

Il FIA WEC tornerà in pista il 16 giugno a Le Mans per la celebre 24 Ore.

di Redazione
tags: Mondiale Endurance

Stampa Invia ad un amico Commenti (0)

Scrivi un commento

Torna su

Spam, commenti impropri o volgari saranno automaticamente cancellati

*= non sarà pubblicata | Condizioni di Utilizzo

Paolo Ruberti

Nato il 22 aprile 1975

nazionalità Italia (IT)

VAI ALLA SCHEDA »

Spa-Francorchamps

Belgio (BE)

Lunghezza: 7.004 m

Record sul giro
1'47"263 (S.Vettel, Formula 1, 2009)
 

VAI ALLA SCHEDA »

Archivio Piloti

Cerca tra i piloti